Tutti i  marchi disponibili sul mercato
Copyright BIG - www.onlinebig.it
Autore: AutoreMarco Teatini
Inserito da: Inserito daMarcoT   Data:Data di inserimento 2003-10-29 14:00
Commenti: Commenti: (0)   Votazioni: Votazioni:
Non sono ancora stati inseriti commenti
GH e IGF-1

In questi anni,sono stati scritti molti articoli riguardo questi due ormoni, descrivendone le grandi propriet? anaboliche e lipidiche. Il mio intento, invece, sar? di mettervi a conoscenza dei lati oscuri ed in guardia dagli errori pi? comuni che si possono commettere utilizzandoli in modo non appropriato.

Colui che decide di utilizzare l?ormone somatotropo (GH) per procurarselo, molto spesso ? costretto a rivolgersi al mercato nero, con conseguente pericolo di inattivazione dell?ormone, poich? questa molecola per mantenere inalterate le sue propriet? anaboliche non deve superare la temperatura consigliata dalla casa costruttrice, e, chi ha in ?deposito abusivi? questi prodotti non sempre presta molta attenzione alla temperatura circostante. Solitamente un prodotto ricombinato deve essere mantenuto tra i 4 e 8 gradi,discorso diverso ? per i composti non miscelati, di solito si ha una tolleranza fino a 28?. Il problema non sussiste se si riesce ad ottenere da una fonte sicura (farmacia o deposito legale).

Visto la notevole spesa, correre il rischio di buttare svariati milioni per della semplice soluzione fisiologica, non ? sicuramente una buona scelta.

Come si pu? ovviare a questo problema?

Una soluzione per sollevarvi da ogni dubbio ? quella di portare il composto acquistato presso un centro di analisi per attestarne l?efficacia. L?unico inconveniente ? il costo molto elevato per effettuare questo tipo di analisi e,inoltre, non tutti i laboratori hanno in dotazione la strumentazione necessaria per testarlo.

Ricordiamo che l?individuazione di quest?ormone ? ancora una prassi molto complessa.
Quindi non rimane che rassegnarsi e tentare la sorte!?

Tranquilli, una soluzione c??!

Quello che sto per descrivervi vi potr? sembrare un metodo grossolano, ma vi assicuro che attester? la validit? del vostro prodotto. Sappiamo che il GH una volta somministrato per via sottocutanea ha un?emivita che oscilla tra i 15 ed i 45 minuti, questo porter? un?innalzamento dei suoi livelli nel sangue in quel lasso di tempo. La secrezione di GH ? controllata attraverso un ciclo di feed-back che coinvolge l'ormone rilasciante il GH (GHRH) e l'ormone inibente il rilascio della somatotropina (SRIH).

Dunque, per scoprire se funziona basta fare un prelievo di sangue nell?esatto momento in cui avviene l?innalzamento, vi consiglio di prenotare l?esame presso un normale centro analisi specificando l?orario del prelievo e il controllo sull?ormone della crescita. Cos?, avendo la prenotazione per l?esame alle 7:30 am, somministriamo 4 UI di GH esattamente 30 minuti prima del prelievo (7:00 am).
Se il prodotto ? valido si avr? un valore sicuramente al di sopra della norma!

Vi ricordo che la ghiandola pituitaria (contenente 5 ?10 mg di ormone somatotropo) di un individuo normale ha una produzione giornaliera di 0.4 ? 1.2 mg negli uomini e con valori leggermente pi? alti negli adolescenti e nelle donne. Volendo essere ancora pi? sicuri, si pu? fare un ulteriore controllo: basta andare il giorno precedente e fare lo stesso esame senza somministrazione esogena,e,confrontando i due risultati si dovrebbe notare il dislivello.

Vi ricordo che la somministrazione deve essere sottocutanea ed effettuata nell?adipe circostante la zona addominale, data la presenza di molti capillari, porter? ad un?immediata assimilazione del composto.
Un?altra informazione di cui non tutti gli atleti sono a conoscenza ? che l?uso di anti-estrogeni (Nolvadex) riduce i livelli di IGF-1 in maniera elevatissima, tutto questo avviene perch? viene inibita la capacit? del fegato di produrre IGF-1.

Quindi se utilizzate l?ormone somatotropo evitate nella maniera pi? assoluta prodotti contenenti come principio il TAMOXIFENE CITRATO perch? a prescindere quanto GH voi stiate assumendo,sicuramente, non ci sar? produzione di IGF-1.

La dose giornaliera consigliata se si utilizza la somministrazione subcutanea ? usualmente intorno le 8UI. Poich? il GH ha un periodo di vita breve, conviene dividere questa dose in tre o quattro iniezioni da 2-4 UI ciascuna, poich? l?applicazione di dosaggi normali o piccoli sembra portare a risultati pi? efficaci, infatti il GH stimola il fegato a produrre un rilascio maggiore di somatodine e fattori di crescita insulinici. Il fegato pu? produrre solo una limitata quantit? di queste sostanze, per questo iniezioni con alti quantitativi di GH non riescono ad indurre questo organo a secernere grandi quantit? di somatodine e fattori di crescita insulinosimili, cos? si otterranno risultati migliori con dosaggi pi? piccoli.

Inoltre, vi ricordo di cambiare continuamente il punto dell?iniezione per evitare la formazione di accumuli di grasso (Lipotrofia), infatti se l?ormone somatotropo viene iniettato sottopelle sempre nello stesso punto, ? possibile che si formi un piccolo strato di grasso.